Aylen Pritchin è uno dei violinisti russi più interessanti e versatili della sua generazione. Il giovane violinista è il primo vincitore del concorso Long-Thibaud-Crespin 2014 e ha ottenuto anche il premio SACEM per il pezzo contemporaneo.
Nato nel 1987 a San Pietroburgo, Aylen Pritchin ha iniziato a suonare il violino all’età di sei anni e successivamente si è iscritta al Conservatorio Tchaikovsky di Mosca, studiando con Eduard Grach.
Tra gli altri premi che gli sono stati assegnati negli ultimi anni ci sono il premio Yuri Temirkanov, il concorso Sion-Valais (2009), il concorso Kreisler a Vienna (2010), il concorso Oistrakh a Mosca (2010), il concorso Wieniawski a Poznan (2011).
Aylen Pritchin ha una carriera concertistica molto attiva in Russia e all’estero: si è esibito al Konzerthaus (Vienna), Concertgebouw (Amsterdam), Musikaliska (Stoccolma), Mozarteum (Salisburgo), Ciajkovskij Conservatory (Mosca), Théâtre des Champs-Élysées (Parigi).
Come solista ha collaborato con direttori come Teodor Currentzis, Cornelius Meister, Yuri Simonov, Dorian Wilson, Alexander Vedernikov, Shlomo Mintz, Donato Renzetti, , Pascal Rophé, le orchestre erano MusicAeterna Orchestra, e varie orchestre tra cui la Moscow Philharmonic Orchestra, Sinfonia Accademica di San Pietroburgo Orchestra, Lille National Orchestra, Orchestre National des Loire della Loira, Poznan Philharmonic Orchestra, ORF Symphonieorchester Wien, Dohnanyi Orchestra Budafok.
L’etichetta russa “Melodiya” ha pubblicato 3 CD di Aylen Pritchin: opere di violino di Čajkovskij, Stravinsky e Desyatnikov; piano trios di Shostakovich, Weinberg e Ravel (con Lukas Geniusas, pianoforte e Alexander Buzlov, violoncello) e le sonate per violino di Prokofiev registrate insieme a Yuri Favorin.

Condividi su: